Contatti

Puoi contattarci telefonicamente:

+39 06 86765488

O via email:

info@dataforce.it

Corsa alla targa

Roma, 06.05.19

ECOTASSA 2019: unico risultato? Corsa a targare prima dell’entrata in vigore

 

Nel primo trimestre di quest’anno sono aumentate le vendite di auto con livelli di CO2 superiori a 160 g/km, e diminuite quelle inferiori a 70 g/km. Ma non è un paradosso: chi ha potuto, ha targato l’auto prima per evitare la tassa, e chi è in procinto di ritirare una nuova superecologica, ha atteso il varo degli ecobonus

 

di Salvatore Saladino, Country Manager Dataforce Italia

 

A partire dal mese di marzo, il Governo ha introdotto l’ecotassa che grava su tutte le vetture di nuova immatricolazione con livello di emissioni superiore a 160 grammi di CO2. La tassa, che è una-tantum, incide per un importo da 1100 a 2500 euro a seconda del livello di emissioni: il balzello inferiore è previsto per le auto con CO2 compresa tra 161 e 175 g/km; da 176 a 200 g/km si pagano 1500 euro; da 201 a 250 si versano 2000 euro; oltre i 250 g/km occorre pagare 2500 euro.

Che impatto ha avuto l’ecotassa sul mercato dell’auto? Per il momento i dati del primo trimestre sono influenzati dalla corsa alle immatricolazioni di auto con emissioni superiori ai 160 grammi di CO2 dei mesi di gennaio e febbraio: chi ha potuto targare l’auto prima dell’entrata in vigore della nuova tassa, perché già disponibile in concessionaria, lo ha fatto. Così come le reti di vendita si sono affrettate a immatricolare come km zero le auto in stock di difficile vendita. Ecco così che, come risulta dai dati rilevati da Dataforce, le auto-immatricolazioni delle case e dei concessionari sono triplicate, passando da 1.603 a 4.607. Lo stesso ha fatto il noleggio a breve termine, che addirittura ha moltiplicato per 6 le sue nuove targhe di veicoli superiori a 160 g/km. I noleggi a lungo termine, invece, si sono “limitati” a targare il quadruplo delle auto con livelli alti di CO2, mentre le flotte aziendali hanno aumentato le nuove targhe del 70%. E i privati sono passati da 6.738 immatricolazioni di questa tipologia di veicoli del primo trimestre 2018 a 16.058.

Cosa è successo, invece, per le altre due classi di emissioni, ossia quella fino a 70 g/km, che gode di un incentivo all’acquisto chiamato “ecobonus” da 1500 a 6000 euro purché il prezzo di listino non superi i 50.000 euro + Iva, e quella da 71 a 160 g/km, che non è né penalizzata né incentivata? Che, rispetto all’anno scorso, le vendite sono diminuite, in tutti i canali di distribuzione, dai privati alle flotte, dai noleggi alle auto-immatricolazioni.

Se per le auto incentivabili è logico che le immatricolazioni siano scese, perché il cliente ha atteso marzo per acquisire l’incentivo, non è spiegabile che nella classe di emissioni intermedia, quella non penalizzata né incentivata, le vendite siano in flessione. Se non con il fatto che è il mercato nel suo complesso a essere tornato in crisi. Ecobonus ed ecotassa, quindi, non sembrano funzionare: osservando i dati del solo mese di marzo, per le vendite di auto elettriche e di ibride plug-in (ossia quelle incentivate), l’incremento delle immatricolazioni è molto modesto, mentre l’effetto dell’ecotassa è stato stemperato dalle immatricolazioni anticipate e in futuro otterrà probabilmente l’unico risultato di deprimere il mercato delle auto più costose (e non soltanto quelle: infatti molti modelli di categoria media e inferiore, soprattutto a benzina, hanno emissioni oltre i 160 g/km di CO2).

Quali sono le marche che nel primo trimestre 2019 hanno immatricolato molte auto con emissioni superiori al limite di 160 g/km? Nel noleggio a lungo termine, leader di mercato è la Jeep, seguita da Ford, Land Rover e Alfa Romeo. Mentre nelle vendite aziendali dirette, la classifica vede al comando Mercedes, seguita da Land Rover, Jeep e Audi. Quali sono, infine le marche virtuose (cioè quelle con emissioni di CO2 inferiori a 70 g/km) preferite in questo primo scorcio dell’anno? Sorprendentemente è balzata al primo posto la Tesla (negli acquisti diretti), mentre la Nissan continua a essere la marca più noleggiata (con il modello Leaf). Al secondo posto per entrambe le graduatorie la Mini.

 

In caso di pubblicazione, indicare sempre: “Elaborazione Dataforce su fonte Ministero Infrastrutture e Trasporti e ACI”.

DATAFORCE - Focus on Fleets
Dataforce è la società leader europea di analisi del mercato automotive, attiva a livello internazionale in 41 Paesi, che ha come obiettivo quello di fornire all’industria automobilistica informazioni ad alto contenuto qualitativo con la più profonda segmentazione dei canali di vendita, utilizzando sofisticate piattaforme di business intelligence e i migliori sistemi di reportistica. Forniamo inoltre il database di contatto più aggiornato e completo delle società italiane in possesso di autoveicoli aziendali e sviluppiamo ricerche di mercato e progetti di consulenza. Dataforce Italia ha sede a Roma mentre il nostro Headquarter è a Francoforte sul Meno, in Germania.

Contatti: Salvatore Saladino
Tel.: +39 06 86765488
Fax: +39 06 87815022
E-Mail: salvatore.saladino@dataforce.it
www.dataforce.it

Lascia un commento

× My Message